Ogni dirigente d'azienda lotta con la stessa domanda: quanto prendere in prestito per investire e far crescere l'azienda, controllando il livello generale del debito?

Nessuno vuole perdere un'opportunità di crescita. Ma la "FOMO" (fear of missing out, "paura di essere tagliati fuori") può a volte condurci in alcune manovre affrettate di cui ci pentiamo quando arrivano i costi reali. Tuttavia, vogliamo assicurarci di non essere eccessivamente esposti al rischio in caso di sviluppi imprevisti.

Ecco gli indicatori finanziari che vi permetteranno di valutare correttamente il rapporto rischio-rendimento del debito.

Cos'è il rapporto di indebitamento?

La vostra azienda è in grado di assumere più debiti? Per scoprirlo, un indicatore critico è il rapporto di indebitamento.

Vi state chiedendo cos'è l'indice di indebitamento? Si ottiene dividendo il totale delle passività per il totale delle attività e indica la percentuale degli importi totali delle attività (come riportato nel bilancio) che è dovuto ai creditori.

Confrontando le passività con le attività, il rapporto di indebitamento permette di identificare il livello di dipendenza dell'azienda da terzi. Il vostro banchiere esaminerà attentamente questo rapporto prima di autorizzare nuovi prestiti. Un rapporto di indebitamento più basso indica un'azienda meno indebitata.

Suggerimento: Al di là di questa linea guida generale, non esiste una regola ferrea su ciò che costituisce un buon o cattivo rapporto di indebitamento. Alcuni settori di attività, come i metalli, l'edilizia, l'energia e l'agroalimentare, hanno normalmente livelli di debito più alti di altri.

Spiegazioni a sostegno del rapporto di indebitamento

La formula dell'indice di indebitamento può sembrare semplice, ma bisogna considerare una serie di fattori per spiegarla. Mentre il monitoraggio dell'indice di indebitamento è fondamentale per misurare l'esposizione ai rischi finanziari, dovete contestualizzare questo indicatore per riflettere la situazione specifica della vostra azienda. Il rapporto deve essere incluso nella vostra presentazione per conquistare contatti e potenziali partner finanziari.

Un'azienda innovativa che è appena agli inizi avrà senza dubbio un alto rapporto di indebitamento. Dopo qualche mese, se il business è cresciuto, i flussi di entrate cominceranno a ridurre il debito.

Suggerimento: È importante guardare oltre i numeri per considerare la durata dell'attività dell'azienda e la sua fase di sviluppo. Per esempio, un rapporto di indebitamento più alto per un'azienda che ha revisionato i suoi macchinari o la sua flotta di veicoli sarà visto più positivamente di un rapporto più basso per un'azienda che non ha investito perché le spese di capitale tendono a segnalare una crescita anticipata.

Ottimizzate le vostre fonti di finanziamento

Numeri accurati combinati con una presentazione chiara che dettaglia il percorso dell'azienda sono dei veri punti di forza quando si stabilisce un rapporto con un nuovo partner finanziario. Ogni singola azienda può avere accesso a vari tipi di finanziamento.

Il primo, e più convenzionale, è un prestito da una banca. Il debito bancario è spesso usato per finanziare investimenti a lungo termine, come l'acquisto di locali o attrezzature necessarie per il business.

Gli accordi di leasing e gli scoperti di conto corrente possono anche essere utilizzati per le spese a breve termine per ottimizzare il flusso di cassa, ma questi avranno normalmente tassi di interesse più elevati rispetto ai prestiti a lungo termine, e non dovrebbero essere utilizzati per coprire le spese operative all'infinito.

Ci sono altre fonti di liquidità aziendale oltre ai tradizionali prestiti bancari. Investitori, business angels, fondi d'investimento che cercano opportunità insolite con piani aziendali solidi, anche "crowd funding", sono modi per attrarre investimenti di capitale.

In questi casi, la vostra azienda non assume alcun debito in contanti. Al contrario, voi consegnate delle azioni della vostra azienda ai vostri investitori, rinunciando ad un certo controllo della vostra società in cambio di un investimento finanziario che vi aiuti a raggiungere i vostri obiettivi. Ma scegliete i vostri investitori con attenzione: assicuratevi di condividere scopi e obiettivi simili. Se le vostre visioni differiscono, c'è un rischio reale di conflitto che potrebbe essere difficile da risolvere.

Suggerimento: per ottimizzare le vostre fonti di finanziamento, può essere saggio utilizzare una varietà di apporti. Ma attenzione: non possono essere usati tutti per gli stessi scopi. I prestiti bancari sono un impegno a lungo termine e possono essere utilizzati per acquistare locali o sviluppare nuove attività, mentre portare nuovi investitori può essere un modo per intraprendere transazioni significative, come l'acquisizione di un concorrente.

Poche aziende possono crescere senza contrarre debiti. L'importante è che gli investimenti resi possibili da questo debito sostengano la vostra crescita piuttosto che appesantirla. È tutta una questione di equilibrio!

Sostituire l'ultima frase con: Per approfondire, scarica il nostro eBook dummy “Come proteggere il cash flow: guida completa per le PMI”